UNIVERSITÀ IN BICICLETTA - PERUGIA SMART CITY

“La città costituisce ormai l’habitat della stragrande maggioranza della popolazione europea, che ha diritto di godere della migliore qualità della vita possibile […] L’inquinamento atmosferico e acustico si intensifica di anno in anno. Il traffico urbano genera il 40% delle emissioni di CO2 e il 70% delle altre emissioni prodotte dagli autoveicoli”; esordisce così il LIBRO VERDE verso una nuova cultura della mobilità urbana con il quale la Commissione Europea “lancia” le 5 sfide che le città europee devono affrontare nell’ambito di un approccio integrato che tenga conto del fatto che la mobilità urbana deve agevolare lo sviluppo economico delle città, la qualità di vita degli abitanti e la tutela dell’ambiente cittadino: 1. Per un traffico scorrevole in città; 2. Per una città più pulita; 3. Per un trasporto urbano più intelligente; 4. Per un trasporto urbano accessibile; 5. Per un trasporto urbano sicuro. Perugia è una città nella quale negli ultimi anni il traffico ha raggiunto, soprattutto in alcune zone e ore della giornata, picchi molto elevati; detta congestione è causata, soprattutto, dall’ingente aumento di mezzi privati con i quali i cittadini decidono di programmare i propri spostamenti e dallo scarso utilizzo di mezzi di trasporto alternativi quali la mobilità ciclistica, pedonale o il trasporto pubblico. La città di Perugia è inoltre sede di due Università e di alcuni Istituti superiori di Istruzione Artistica che hanno inciso sul tessuto cittadino non solo da un punto di vista culturale, ma anche urbanistico e quindi della mobilità urbana. Altro dato da tener in considerazione è il calo di iscritti registrato dall’Università negli ultimi anni (però con un recupero nell’ultimo anno) a testimonianza che la città è diventata meno attrattiva per gli studenti fuori sede. Proseguendo le azioni già avviate e dando concreta attuazione agli obiettivi fissati dal Piano Regionale per la Qualità dell’Aria, l’Amministrazione Comunale intende promuovere nuove forme di mobilità urbana in grado di ridurre la percentuale di emissioni inquinanti nell’aria, migliorare la qualità della vita dei cittadini, facilitare la mobilità a costi contenuti e decongestionare il traffico urbano nel solco delle politiche legate alla realizzazione di una “Smart City” con ripercussioni positive sullo sviluppo economico del territorio. Il progetto elaborato prevede il potenziamento dell’attuale sistema di bike sharing mediante l’incremento sia del numero di stazioni che delle biciclette a pedalata assistita, la realizzazione di nuove piste ciclabili e la predisposizione della relativa segnaletica stradale nel rispetto di quanto previsto dalla normativa vigente. Nell’ambito di questo progetto verrà sviluppata in collaborazione con l’Università degli Studi di Perugia, un’azione particolare dal titolo “Adotta una bici” rivolta agli studenti universitari regolarmente iscritti all’Ateneo perugino che avranno la possibilità di ottenere singole biciclette in comodato d’uso gratuito; l’assegnazione delle biciclette avverrà previa emanazione di apposito disciplinare da parte dell’Università nel quale verranno stabiliti i criteri di partecipazione nonché gli obblighi in capo agli studenti che beneficeranno del servizio. Scopo principale del progetto è quello di promuovere la cultura della mobilità sostenibile partendo dalle giovani generazioni, nonché incentivare il ritorno degli studenti nella nostra città. Oltre agli studenti universitari, il progetto prevede il coinvolgimento di cittadini, Associazioni ed Imprese nonché di uno specifico Gruppo di Lavoro che si adoperi anche per la ricerca di finanziamenti europei a copertura dei costi relativi agli interventi.